Tag archives: arteterapia

Grandi opere in mostra

2015 Mostra Vescovato

Stamattina, alla casa di riposo di Vescovato (Cr), in occasione della festa del residente, è stata inaugurata la mostra Nessuno è più artista di noi tutti insieme!, in cui sono stati esposti i lavori di gruppo dei partecipanti al laboratorio di arteterapia.

Negli ultimi mesi agli ospiti coinvolti è stata proposta un’esperienza di arte sociale con la realizzazione di una serie di lavori pittorici su fogli di grande formato.

Ogni persona ha cominciato a dipingere nel proprio spazio ed è arrivata a raggiungere uno spazio con-diviso, diviso insieme ai propri vicini. Da un incontro all’altro, inoltre, si è trovata a lavorare su parti diverse dell’opera, non necessariamente su quella da cui era partita inizialmente.

Si è voluto uscire dalla logica del “mio” dipinto per entrare in quella più sociale e, certamente, più complessa del “nostro” dipinto.
Continue reading

Diari di colori, immagini e parole (3)

Diari

Pubblico una serie di pagine tratte dai Diari realizzati durante il laboratorio di Arteterapia presso la Fondazione Soldi di Vescovato (Cr).
Tramite questi diari sono emersi ricordi, conversazioni interessanti, rappresentazioni grafiche e pittoriche significative, in particolare su temi molto sentiti come la scuola, il fascismo, la guerra, la maternità, la vita di campagna.
I partecipanti hanno accolto con gioia ed entusiasmo il percorso che ha cercato di far uscire dall’anonimato e di valorizzare le storie di vita di ciascuno, aprendole alla possibilità di un confronto con quelle degli altri.
I Diari, rilegati con filo di cotone, sono diventati oggetti fruibili e sono stati restituiti all’esterno, in particolare attraverso l’organizzazione di una mostra presso la struttura.

Continue reading

Diari di colori, immagini e parole (2)

Diario di R. T.

Ai laboratori di Arte-terapia che tengo presso alcune case di riposo in provincia di Cremona e di Brescia partecipano gruppi costituiti soprattutto da donne anziane, per lo più vedove. Negli ultimi mesi ho deciso di lavorare con ciascuna di loro alla realizzazione di un diario personale.

Volevo dare voce alle loro esperienze di donne e di madri poiché spesso simili preziose testimonianze rimangono inascoltate

A tale scopo ho proposto loro l’utilizzo di diversi media: la pittura, il disegno, le immagini di giornale, le fotografie e il racconto orale. In una serie di incontri ho registrato le loro parole sotto forma di intervista o di racconto spontaneo.

Mi sono soffermata sul tema del parto…

Tra le donne che vivono in una delle strutture in cui lavoro, c’è la signora P. G. di 90 anni. Le ho posto diverse domande, invitandola a raccontare come ha vissuto la sua maternità. Lei mi ha confidato di non aver partorito in ospedale ma in casa con una levatrice e di aver avuto una femmina e un maschio.
Nei suoi ricordi dell’evento si mescolano sentimenti contrastanti di dolore e di gioia.
Qui di seguito riporto alcuni stralci tratti dalle trascrizioni delle conversazioni registrate che ho tenuto con lei e con la signora M. R. che le sedeva vicina.

– 11 novembre 2013:
Ho chiesto a P.G. se i suoi figli sono nati tutti e due in casa.
“Sì, con la suocera e la mia mamma, presenti”, ha risposto.
“E come è stato il parto?”
“Mah, il parto è andato tutto bene… Avevo una brava levatrice”. Continue reading